ELODIE E’ TORNATA

eloide

L’Esercito di Resistenza del Signore, conosciuto con il suo acronimo inglese (LRA) è il gruppo armato di Joseph Kony, un criminale di guerra i cui deliri religiosi non hanno impedito la diffusione del terrore nella Repubblica Democratica del Congo, in Sud Sudan, Uganda e Repubblica Centrafricana. Da 20 anni, il LRA si è specializzato nel rapimento di bambini, che poi diventano combattenti o schiavi sottoposti a condizioni di vita spaventose. Elodie (nome inventato) era una di questi bambini.

Elodie è stata rapita nel suo villaggio quando aveva 10 anni. Dopo di che, ha trascorso sei anni con il gruppo armato. Non sappiamo se è stata rilasciata o è fuggita perché è pressocchè muta. Quando questa bambina è venuta a Obo (Haut-Mbomou, sud-est della Repubblica Centrafricana), la nostra organizzazione l’ha inserita nel programma per i bambini associati all’LRA”, ha detto Pelagie Gonzobo-Damlah, agente psicosociale di COOPI.

Il progetto COOPI, finanziato dall’UNICEF e intitolato “Presa in carico, sostegno psicosociale e re-integrazione socio-comunitaria dei bambini associati al LRA e delle comunità vulnerabili dell’Haut Mbomou attraverso il rafforzamento della resilienza“, di cui Elodie è stata una dei 7.620 beneficiari (compresi i 6.189 bambini), mostra un approccio basato sulla protezione dei diritti dei bambini, ma anche la necessità di rafforzare la capacità di riprendersi dalla violenza – la cosiddetta resilienza delle comunità.

Il caso di Elodie era molto difficile a causa della sua disabilità. “Non capivamo nemmeno da dove provenisse. Riusciva a malapena a pronunciare qualche parola che, per fortuna, uno dei nostri operatori ha riconosciuto: parlava il lingala, una lingua congolese. Ecco come abbiamo saputo dove cercare la sua famiglia: in Congo (RDC) “, dice Pélagie.

Mentre l’adolescente beneficiava del nostro percorso di recupero, compresa la cura di uno dei nostri psicologi congolesi che parla lingala, abbiamo iniziato la ricerca della sua famiglia.

La RDC è un paese vasto e il lingala è parlato in molte regioni. Ci stavamo chiedendo da dove cominciare. Un rifugiato congolese a Obo ci ha dato un indizio: credeva di riconoscere i segni rituali della bambina sul volto e ci ha consigliato di cercare nell’area del villaggio di Banda (nord-est della Repubblica Democratica del Congo).

COOPI poi ha iniziato una collaborazione con un’altra ONG che lavora in Repubblica Centrafricana, ma anche in quella regione congolese e che ha contribuito a diffondere tra gli abitanti dei villaggi la descrizione di Elodie. Dopo un primo fallimento, la comunicazione di bocca in bocca ha funzionato e il padre della ragazza ha riconosciuto la figlia rapita. L’ha reclamata subito.

Una volta identificata la famiglia, COOPI ha chiesto alle forze militari ugandesi, presenti in Centrafrica in ragione della lotta contro l’LRA, un permesso speciale per trasportare la ragazza nella RDC con uno dei suoi aerei.

Sei anni più tardi, Elodie è tornata a casa.

ELODIE E’ TORNATA ultima modifica: 2016-02-08T15:30:41+00:00 da coopi