Afghanistan

COOPI è intervenuta in Afghanistan nell’aprile 2001 con un progetto sanitario comprendente attività di formazione del personale locale a Bala Murghab (provincia di Badghis) che è poi stato trasferito completamente alla controparte locale.

In seguito agli eventi dell’11 Settembre 2001, sono stati attivati due progetti di emergenza dei quali hanno beneficiato circa 80.000 persone. I progetti, del valore complessivo di circa 400.000 US$, sono stati finanziati con fondi della Regione Lombardia, dalla Regione Veneto e con fondi privati di COOPI.

Nel dicembre 2001 COOPI ha effettuato una massiccia distribuzione di beni di prima necessità nel Distretto di Dasht-I-Archi (Provincia di Kunduz), che ha coinvolto circa 3.000 famiglie in condizioni di estrema vulnerabilità. Da aprile 2002 COOPI è attivamente impegnata nella realizzazione di un progetto finanziato da UNHCR. L’intervento consiste nella costruzione di case e nella riabilitazione di canali di irrigazione in sei Distretti della Provincia di Kunduz (Khanabad, Char Dara, Aliabad, Qala-I-Zal, Dasht-I-Archi, Imam Sahib). Beneficiari diretti del programma di ricostruzione case sono 5778 persone, selezionate, secondo i criteri previsti da UNHCR, tra le famiglie estremamente vulnerabili (vedove, anziani, disabili). La riabilitazione dei canali di irrigazione crea occupazione per 9600 lavoratori locali, che beneficiano inoltre di un programma di formazione professionale.

Sempre nel 2002, in ottobre, COOPI ha inoltre attivato un progetto di rifornimento idrico (escavazione di pozzi, installazione di pompe a mano e costruzione di latrine) e di educazione igienico-sanitaria per la città di Kunduz.

I tre progetti attivi nella Provincia di Kunduz sono stati coordinati dall’ufficio regionale che ha sede nella città e che è responsabile di tutte le attività di COOPI nelle regioni settentrionali del paese. È gestito da 3 espatriati e da numerosi operatori locali.
Da agosto 2002 COOPI è è stata presente con un ufficio regionale nella città di Kandahar, gestito da 3 espatriati e che impiega circa 15 operatori locali. L’ufficio era incaricato di gestire le attività di COOPI nelle Province del Sud del Paese.

Nel settembre 2002 è stato attivato un progetto che prevede la riabilitazione e l’estensione del sistema di approvvigionamento idrico della città di Lashkar Gah (Provincia di Helmand), del quale hanno beneficiato 100.000 persone, inclusi numerosi profughi rientrati.
Nel dicembre 2003 è stato inoltre avviato un progetto di riabilitazione nel distretto di Panjwayi (Provincia di Kandahar). Il programma ha previsto la costruzione di scuole, unità sanitarie di base e punti acqua (pozzi e pompe a mano), oltre a un progetto di assistenza a 475 famiglie sfollate attraverso la distribuzione di beni di prima necessità.

L’intervento di COOPI in Afghanistan è concluso.

Afghanistan ultima modifica: 2016-09-21T11:31:16+00:00 da coopi