Albania

Gli interventi di COOPI in Albania iniziano nel 1999, durante la guerra del Kosovo, con un progetto volto all’assistenza dei rifugiati.

Il primo progetto è stato realizzato nella città di Kamez (a 8 km da Tirana) dove si trovavano circa 5000 rifugiati kosovari di cui almeno 2.500 erano bambini sotto i 15 anni. L’intervento ha previsto la gestione di un campo profughi, la riabilitazione di centri sanitari, la distribuzione di cibo e di materiale di prima necessità, la riabilitazione della clinica di Kamez e la realizzazione di interventi per il miglioramento delle infrastrutture igienico-sanitarie.
Grazie all’intervento di COOPI, il 70% dei rifugiati ha trovato accoglienza presso le famiglie albanesi mentre il resto ha trovato una sistemazione nei diversi centri di accoglienza della città.

Successivamente COOPI ha esteso i propri interventi in altre zone del Paese, in particolare nella città costiera di Vlore e nella zona del lago di Shkodra, al confine con il Montenegro. Tra i principali risultati ottenuti, è stato avviato un progetto per la formazione di base di medici e sono state riabilitate 5 scuole medie. Sono stati inoltre realizzati due interventi nel settore idrico per la riabilitazione dell’acquedotto di Valona e per la costruzione di un acquedotto nel Comune di Novosela.

L’intervento di COOPI in Albania è concluso.

Albania ultima modifica: 2016-09-21T11:18:14+00:00 da coopi