La Sierra Leone è diventata tristemente famosa per la sanguinosa guerra civile che ha sconvolto il Paese per 10 anni. Negli ultimi anni era un Paese in forte ripresa, ma il 26 maggio 2014 il Ministero della Salute ha dichiarato ufficialmente lo scoppio dell’epidemia di ebola che, ad oggi, ha registrato nel Paese il più alto numero di casi confermati nella storia. Migliaia di morti, la vita delle persone bloccata per evitare qualsiasi contagio, le campagne abbandonate, l’economia in ginocchio e migliaia di nuovi orfani. Oggi l’emergenza sanitaria si sta esaurendo ma gli effetti negativi sul tessuto economico e sociale continueranno a farsi sentire ancora per un po’ di tempo.
Per migliorare le condizioni di vita dei contadini, nel 1966 abbiamo avviato un progetto di sviluppo imprenditoriale che mira a potenziare la coltivazione degli anacardi con l’obiettivo di migliorare le tecniche di lavorazione, conservazione e commercializzazione.
Per assicurare protezione ai bambini che hanno perso tutta o parte della famiglia a causa dell’ebola, forniamo attività di assistenza nutrizionale e psicologica e ne favoriamo il reinserimento nella società per evitare le conseguenze (stigma, abbandono, malnutrizione) che possono discendere dall’essere stati coinvolti in qualche modo dall’ebola. Dal 2006 portiamo avanti anche progetti di Sostegno a distanza.
Infine, per rilanciare l’economia, portiamo avanti un progetto di promozione delle energie rinnovabili, con lo scopo di garantire energia elettrica pulita, fornire servizi pubblici migliori e aumentare l’occupazione.

* I dati relativi ai Risultati di COOPI sono aggiornati all’ultimo bilancio sociale.

La situazione in Sierra Leone

I risultati di Coopi



183/187
ISU
57%
Tasso di analfabetismo
44%
Tasso di malnutrizione infantile moderata/severa
52%
Tasso di popolazione che vive sotto la soglia di povertà


9
Progetti
55.872
Beneficiari
4
Staff internazionale
32
Staff locale

I progetti



Documenti

Sede

Sierra Leone ultima modifica: 2015-03-23T22:04:25+00:00 da coopi