Niger: lo sport per i bambini più vulnerabili a Diffa

imgp9014

La regione di Diffa, nel sud-est del Niger, si trova ad affrontare una crisi umanitaria senza precedenti da febbraio 2013, a causa della violenza scatenata dalla setta islamica di Boko Haram presente qui. Questi attacchi violenti hanno portato ad una migrazione di massa e traumi che interessano le popolazioni. Questo influisce negativamente anche nella vita dei bambini e delle comunità giovanili colpite.

In effetti, sono molti i casi di bambini non accompagnati e separati che si trovano sfollati. Il cambiamento brusco e non pianificato dell’ambiente in cui vivere, rappresenta per  i giovani e i bambini l’improvvisa perdita della loro “normalità”. COOPI dal dicembre del 2013, con il sostegno dell’UNICEF, effettua azioni di monitoraggio e di supporto psico-sociale attraverso all’allestimento di installazioni mobili di supporto psicosociale (DIAP). Queste installazioni offrono un contesto sicuro, di ascolto, incontro e condivisione soprattutto per i bambini e gli adolescenti.le sport comme dispositif de suivi et d’appui psychosocial auprès des enfants vulnérables à Diffa

Le attività sportive hanno un ruolo fondamentale in questa installazione. Sono un modo perfetto per attirare giovani e segnare l’ingresso al supporto sviluppato da COOPI.
Calcio, pallavolo, pallacanestro, atletica leggera e frisbee sono gli sport attualmente praticati.
COOPI offre corsi di formazione e fornisce materiale didattico ai suoi agenti psicosociali per implementare le attività sportive,  inoltre fornisce la corretta attrezzatura sportiva e sviluppa le infrastrutture necessarie in 59 luoghi di accoglienza e presa in carico.

Queste attività sportive svolgono il ruolo di leva attrattiva per la creazione di contatti con i beneficiari e per  sviluppare relazioni speciali all’interno dell’installazione. Lo sport permette quindi di creare uno spazio di dialogo, di realizzazione, di ascolto e di condivisione privilegiata con e tra i giovani, lontano dalle loro angosce e stress quotidiani.
Incentrati sulla trasmissione di valori positivi (rispetto, la solidarietà, il fair play …) e sul potere unificante dello sport, questi momenti di attività sane e positive sono utilizzati come strumento educativo informale per rafforzare i legami sociali, l’inserimento, la consapevolezza e la rilevazione delle specifiche esigenze di assistenza psicosociale.

Lo sport è una componente trasversale e un’azione indispensabile per il sostegno psicosociale fornito da COOPI in Diffa.
Permette di costruire proposte per il lavoro con i beneficiari, massimizzando i fattori protettivi, riducendo i fattori di rischio e lavorando su un ritorno alla “normalità” (resilienza) dello stato emotivo , psicologico e sociale.

Yves Jamoneau

Niger: lo sport per i bambini più vulnerabili a Diffa ultima modifica: 2016-07-15T15:36:01+00:00 da coopi