Obo: quando le storie finiscono bene

COOPI_RCA_UNICEF_protection_enfants

Keneth MBOLI, ha 16 anni, è un rifugiato sud sudanese che vive nel campo di Obo e beneficia del sostegno che COOPI dà con il suo progetto in favore delle persone più vulnerabili nella regione di Haut Mbomou nella Repubblica Centrafricana. Ha accettato di raccontare la sua storia personale, in qualità di ragazzo separato dalla sua famiglia. La sua è un’esperienza simile a quella che alcune centinaia di bambini hanno sperimentato durante tutta la durata del progetto che COOPI ha avviato con il sostegno finanziario di UNICEF.

La confusione della fuga

Ricordo il giorno in cui mio padre ha detto a mia madre che era necessario andarsene dal Sud Sudan. Siamo partiti il giorno successivo e quando abbiamo lasciato il Sud Sudan per la Repubblica Centrafricana, nella confusione della fuga mi sono separato dai miei genitori e li ho perduti. Non ho avuto alcuna notizia della mia famiglia per 5 mesi e ho vissuto sotto la responsabilità del Presidente del comitato di rifugiati sud sudanesi ad Obo. Viviamo con difficoltà all’interno del campo perché sono già due mesi che nessuno arriva per distribuire del cibo.

Sopravvivere lontano dalla famiglia

Un giorno ho visto due operatori di COOPI mentre effettuavano una verifica dei ragazzi non accompagnati e dei loro genitori separati. Dopo aver preso le mie generalità, mi hanno affiato a una famiglia affidataria e mi hanno fornito un kit per l’igiene. In seguito, ho ricevuto da COOPI ogni fine mese una razione alimentare che mi ha permesso di sopravvivere anche se lontano dai miei genitori. Gli operatori di COOPI hanno fatto delle ricerche tra le famiglie che avevano riferito di aver perso i figli durante lo spostamento e con questa operazione hanno potuto identificare i miei genitori. Inoltre hanno facilitato l’inserimento della mia famiglia nel campo dei rifugiati dove mi trovavo ad Obo.

Ricongiungimenti

Quando tutta famiglia è stata riunita, ho iniziato a sentirsi meglio, ero più tranquillo e positivo nei confronti del mio futuro. Allo scopo di farmi vivere una condizione di vita normale, gli operatori di COOPI mi hanno inserito nelle attività ricreative e sportive che organizzavano per i bambini del campo. Ora partecipo regolarmente e mi sento soddisfatto. Grazie alle attività organizzate da COOPI, sono riuscito a riallacciare i rapporti con la mia famiglia, i miei amici ei miei vicini. Credo di aver davvero recuperato una condizione di normalità nella mia vita.”

Obo: quando le storie finiscono bene ultima modifica: 2017-06-14T10:28:05+00:00 da coopi