REP. CENTRAFRICANA: 2 ANNI DI CRISI

The refugees of the M`Poko camp had arrived when the violence erupt on 5th December of 2013 (AFP / Andoni Lubaki)

A causa delle violenze inter-gruppo esplose 2 anni, la popolazione della Repubblica Centrafricana sta vivendo una crisi umanitaria vastissima. Secondo il Dipartimento per la Protezione civile e l’Assistenza umanitaria della Commissione europea:

  • più della metà degli abitanti hanno bisogno di assistenza;
  • circa 1 milione e mezzo di persone soffre di insicurezza alimentare;
  • il 20% è scappato dai propri villaggi ed oggi è o sfollato o rifugiato in un Paese vicino;
  • quasi 2 milioni e mezzo di bambini sono stati toccati dalla crisi.

Filippo Brisighelli, COOPI project leader in CAR
Filippo Brisighelli, COOPI project leader in CAR
Il 10 marzo scorso, il nostro capo progetto Filippo Brisighelli ha avuto l’onore di parlare a nome di 21 Ong internazionali impegnate nel Paese per portare un appello al Consiglio di Sicurezza dell’ONU in missione in Repubblica Centrafricana.

Le parole d’ordine del messaggio sono state: sicurezza, protezione e ripresa. Se la MINUSCA (la missione dell’ONU nel Paese) non riuscirà a riportare la stabilità, proteggere i civili, creare le condizioni per la ripresa e facilitare l’accesso del personale umanitario nelle zone dove vivono le comunità più esposte, purtroppo anche il prossimo anno torneremo a ricordare questo triste anniversario.

Leggi il Message to the UN Security council (.pdf, 410KB).

REP. CENTRAFRICANA: 2 ANNI DI CRISI ultima modifica: 2016-02-08T15:24:00+00:00 da coopi